Contattaci:
+39 075 9975410
info@ambientasrl.com

I nostri servizi

Svecchiamento archivi e descrizione documenti sensibili

Pulizie civili e industriali

Facchinaggio

Traslochi

Rimozione residui di cantiere

Servizio Custom

Specializzati in

Facility Management.

Ambienta s.r.l. nel corso degli anni ha attivato nuovi servizi, per garantire costante impegno e professionalità a servizio degli utenti.

Vuoi guadagnare?

Diventa rivenditore!

Vendi ai tuoi clienti i servizi ambientali di Ambienta Smart e ricevi provvigioni.

Vantaggi:

  • Vendita senza stress: il software ti guida fino alla finalizzazione;
  • Provvigione chiare: hai sempre a disposizione il listino provvigioni nell’area documenti;
  • Qualifica: Ambienta è iscritta all’albo gestori ambientali, il rilascio del FIR a norma di legge ti tutelerà da sanzioni.

Smaltimento R.A.E.E. - Telefoni - Computer - Stampanti - Tastiere - Mouse.

Smaltimento batterie e pile.

Smaltimento carta contenente Dati sensibili e non.

Smaltimento plastica e alluminio

Servizi antincendio e antinfortunistica.

Siamo nel

MePa

Mercati elettronici della PA.

Attiva il servizio dedicato alle Pubbliche Amministrazioni, codice MePa ambiente.

CODICE ORDINE AMBIENTA: 12114318

E’ il valore medio di acquisto della energia elettrica sul mercato globale all’ingrosso fissato dal sito pubblico del GSE.

gennaio 2023 € 0,17 a Kwh

febbraio 2023 € 0,164 a Kwh circa

Ambienta si impegna nel fissare il prezzo in base al valore del mercato globale con una piccolissima maggiorazione, inferiore a tutti i principali competitor.

€ 6 da 0 a 1.500 Kwh

 

€ 9 da 1.501 a 2.500 Kwh

 

€ 14 da 2501 a 5000 Kwh

€ 6 da 0 a 1.500 Kwh

 

€ 9 da 1.501 a 2.500 Kwh

 

€ 14 da 2501 a 5000 Kwh

PSV + € 0,099 da 0 a 5.000 Smc
(consumuo annuo in metri cubi)

PSV + € 0,079 da 5.001 a 35.000 Smc

PSV + € 0,059 da 35.000 a 60.000.

PSV + € 0,099 da 0 a 5.000 Smc
(consumuo annuo in metri cubi)

PSV + € 0,079 da 5.001 a 35.000 Smc

PSV + € 0,059 da 35.000 a 60.000.

Offerta

Luce&Gas.

AMBIENTA in collaborazione con M1 Energia e Elettragas diventa Punto ufficiale rivendita Luce & Gas.

Le tariffe

più basse.

Sconto 10%
sui prodotti AMBIENTA attivando un contratto Luce&Gas.

I servizi di consulenza che la Ambienta è in grado di erogare sono:

  • Tenuta di registri di carico e scarico rifiuti e compilazione formulari trasporto rifiuti
  • M.UD. Modello Unico di Dichiarazione Ambientale
  • Modalità e tempi del deposito temporaneo di rifiuti (ex art. 183 del D.Lgs. 152/06).

La grande novità di questo servizio è la possibilità per il cliente, di avere un pacchetto base standard ci consulenza oppure di personalizzare integralmente il servizio desiderato.

Consulenza

Ambientale.

Servizio di consulenza ambientale attraverso il quale eroga diversi servizi di assistenza in tutte le aree tematiche del diritto ambientale.

Partnership

Ambienta è leader nel settore del recupero dei rifiuti speciali non pericolosi, in particolare toner e cartucce per la stampa esauriti. Dal 2013 il servizio è stato esteso anche alla raccolta dei Rifiuti Elettrici ed Elettronici (RAEE) e tutti i servizi sopra elencati.

eco

“L’ecologia ci insegna che la nostra patria è il mondo”

Resta aggiornato sulle notizie del mondo dell’ecologia.

Economia circolare: per un futuro sostenibile
20Feb

Economia circolare: per un futuro sostenibile

Economia circolare: un modello per un futuro sostenibile

Smaltire toner e cartucce è un obbligo: guida completa per cittadini e aziende
07Feb

Smaltire toner e cartucce è un obbligo: guida completa per cittadini e aziende

Smaltire toner e cartucce è un obbligo ? Toner e cartucce esausti: piccoli oggetti che si accumulano facilmente nelle nostre case e negli uffici, ma che non vanno assolutamente gettati nella spazzatura indifferenziata. Smaltirli correttamente è un obbligo di legge, oltre che un importante gesto di rispetto per l’ambiente. Perché è importante smaltire correttamente toner […]

Rifiuti, stop all’export di plastica: l’Europa approva il divieto
29Gen

Rifiuti, stop all’export di plastica: l’Europa approva il divieto

Rifiuti, stop all’export di plastica: l’Europa approva il divieto L’Unione europea ha approvato un divieto all’esportazione di rifiuti di plastica non riciclabili verso i paesi non appartenenti all’OCSE. Il provvedimento, che entrerà in vigore nel 2026, rappresenta un passo importante nella lotta all’inquinamento da plastica, che è una delle principali cause di inquinamento marino. Rifiuti, […]

Dicono di noi

Il vostro pensiero per noi è importante. Siamo felici di condividere le vostre esperienze.

Maria B.

Ho trovato un team di professionisti, disponibilità e assistenza impeccabile!

Accoglienza Polo Pianura Est

Un servizio eccellente. Sottolineo in particolare la loro professionalità.

Claudio B.

Il servizio che Ambienta offre per la mia azienda lo trovo professionale, puntuale!

Camillo G.

Grazie allo staff per la disponibilità, servizio che consiglio!

NO. Le discariche comunali non possono accettare i consumabili esausti prodotti dalle aziende o dai titolari di partita iva. Come da normativa sono di fatti classificati come rifiuti speciali e non sono assimilabili ai rifiuti urbani, è quindi necessario rivolgersi ad aziende autorizzate per effettuare una corretta gestione del rifiuto stesso (vedi servizio TONER E CARTUCCE)

NO. Questi apparecchi rientrano nella categoria dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e quindi vanno smaltiti separatamente con diverse modalità (vedi servizio RAEE).

NO. La gestione dello smaltimento dev’essere effettuata solo da aziende iscritte all'albo dei gestori ambientali e quindi aventi le autorizzazioni che consentono il trasporto e lo stoccaggio di tale rifiuto.
È responsabilità di chi produce il rifiuto accertarsi che l'azienda alla quale affida i toner esausti abbia tutte le autorizzazioni necessarie (vedi ns autorizzazioni).

Il mancato rispetto degli obblighi di legge comporta pesanti sanzioni amministrative che, in caso di reato comprovato, possono anche trasformarsi in sanzioni penali a carico dell'amministratore delegato o titolare dell'azienda.
Meglio non correre rischi inutili!!

NO. La responsabilità della gestione del rifiuto dura fino a quando non si riceve la 4° copia del formulario firmata dall'impianto di smaltimento che ne certifica il corretto smaltimento e la si unisce alla 1° copia lasciata al momento del ritiro.

La normativa vigente identifica i soggetti obbligati e quelli esentati alla tenuta del registro di carico e scarico rifiuti; il comma 1 del nuovo art. 190, obbliga a tenere il registro di carico e scarico dei rifiuti a:

  • gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi;
  • gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali NON pericolosi che svolgono attività artigianali ed industriali;
  • gli enti e le imprese che producono rifiuti speciali NON pericolosi da potabilizzazione ed altri trattamenti e depurazione delle acque;
  • gli enti e le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti;
  • gli enti e le imprese che effettuano la preparazione per il riutilizzo e di trattamento, recupero e smaltimento;
  • i “nuovi produttori”, ovvero coloro che svolgono attività di preparazione al riutilizzo, trattamento, recupero e smaltimento, dalla cui attività derivano altri rifiuti, diversamente classificati;
  • in caso di trasporto intermodale, i soggetti ai quali si affidano i rifiuti speciali in attesa della presa in carico da parte dell’impresa navale o ferroviaria e successivo trasporto;
  • gli intermediari e i commercianti dei rifiuti speciali e urbani, pericolosi e non.
    Il comma 1-bis esclude dall’obbligo della tenuta del registro di carico e scarico;
  • gli enti e le imprese obbligati o che aderiscono volontariamente al SISTRI a partire dalla data di effettivo utilizzo operativo di detto sistema;
  • gli enti e le imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto dei propri rifiuti speciali non pericolosi;
  • i professionisti non inquadrati come ente e impresa adempiono alla tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti, conservando in ordine cronologico le copie delle Schede SISTRI e quindi del FIR.

Le misure dell’ECOBOX sono 33x35x69, contiene circa 20/25 toner (di grandi dimensioni).

Nella categoria consumabili per la stampa non pericolosi (COD C.E.R. 08.03.18) rientrano le seguenti tipologie di prodotto: cartucce inkjet, cartucce ad aghi, cartucce ad ink film, cartuccia toner inkjet, nastri e vaschette di recupero ben sigillate nell’apposita busta (presente nella confezione di acquisto).

Da normativa è necessario attestare di aver provveduto al corretto smaltimento almeno una volta all’anno (solare) ed entro 12 mesi dall’ultimo smaltimento effettuato.
Se non hai mai provveduto ad effettuare lo smaltimento, con il nostro contratto, avrai tempo 12 mesi dalla sottoscrizione.
Per non incorrere nel rischio di oltrepassare i termini normativi Ambienta ti offre la possibilità di usufruire di Ambienta Carry, software dedicato, interamente ideato da noi, che non solo ti permetterà di verificare lo stato del tuo contratto, ma attraverso gli allert provvederà a ricordarti anche quando scadranno i termini per la prenotazione di ritiro. (vedi AMBIENTA CARRY).

Ambienta

F.A.Q.

Hai bisogno di aiuto? Contattaci per maggiori informazioni.

NO. L’obbligo di gestire correttamente il rifiuto si verifica anche nel caso in cui si sia terminato un solo toner/cartuccia.

Ai sensi dell’art. 183, comma 1, lettera f del D.Lgs. 152/2006, il produttore di rifiuti è “il soggetto la cui attività produce rifiuti e il soggetto al quale sia giuridicamente riferibile detta produzione (produttore iniziale) o chiunque effettui operazioni di pretrattamento, di miscelazione o altre operazioni che hanno modificato la natura o la composizione di detti rifiuti (nuovo produttore)”.

Mentre ai sensi della lettera h del medesimo articolo il detentore è “il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che ne è in possesso”. Il produttore, quindi, è anche un detentore di rifiuti, mentre il detentore comprende un insieme più ampio, che può contenere il produttore stesso, ma non necessariamente.

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), istituito con la Legge n. 70/1994, è un modello attraverso il quale devono essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attività economiche, quelli raccolti dal Comune e quelli smaltiti, avviati al recupero o trasportati nell'anno precedente la dichiarazione. Il modello va presentato di norma entro il 30 aprile di ogni anno.

Per saperne di più attiva il nostro servizio di consulenza.

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) nasce su iniziativa del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, per permettere l'informatizzazione della tracciabilità dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani della Regione Campania.

Per saperne di più attiva il nostro servizio di consulenza. – pulsante:

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Ambienta Carry è il nuovo sistema online interamente pensato e realizzato sulle esigenze dei nostri clienti. Ogni utente infatti potrà gestire e controllare, in totale autonomia, l’acquisto dei servizi, l’avanzamento, lo stato delle sue richieste ed essere avvisato delle scadenze in essere affinché siano rispettati gli obblighi normativi e quelli derivanti dal contratto stipulato con l’azienda. (link alla pagina Ambienta Carry del sito) "Scopri di più".

SCOPRI DI PIÙ

Iscriviti alla

Newsletter

Registrati alla newsletter per rimanere aggiornato sulle nostre novità e promozioni

Ambienta è leader nel settore del recupero dei rifiuti speciali non pericolosi, in particolare toner e cartucce per la stampa esauriti.

Sede Legale

Corso d’italia, 29, 00198, Roma (RM).

Sede Operativa

Via dei Tigli 27/29, 06083, Bastia umbra (PG).

Ambienta s.r.l.